le più lette...
il progetto |
le competizioni |
Gurrieri e Giampiccolo, classe 1977, hanno vinto la terza edizione del premio promosso dal Consiglio Nazionale degli Architetti

Svuotare e ricostruire recuperando l’esistente. Una casa a Ragusa fa scuola per il riuso

di Paola Pierotti | pubblicato: 25/10/2014
Casa DCS
residenza
Dove si trova:
Ragusa
Centro storico
Progetto:
gurrieri e giampiccolo
Via Archimede, 2 - Ragusa
Committenza:
Privato
"Grazie allo svuotamento di una porzione dell'edificio gli architetti hanno riorganizzato gli spazi inducendo la committenza a riflettere sulla sottrazione come modalità e strategia di trasformazione e riuso dell'esistente. Tale strategia che presume la rinuncia consapevole ad una quota di volume preesistente ha garantito benefici rilevanti permettendo la creazione di una corte interna e una migliore circolazione e fruizione degli spazi abitativi"
Giuseppe Gurrieri
Svuotare e ricostruire recuperando l’esistente. Una casa a Ragusa fa scuola per il riuso
"Grazie allo svuotamento di una porzione dell'edificio gli architetti hanno riorganizzato gli spazi inducendo la committenza a riflettere sulla sottrazione come modalità e strategia di trasformazione e riuso dell'esistente. Tale strategia che presume la rinuncia consapevole ad una quota di volume preesistente ha garantito benefici rilevanti permettendo la creazione di una corte interna e una migliore circolazione e fruizione degli spazi abitativi"
Giuseppe Gurrieri

Giuseppe Gurrieri e Valentina Giampiccolo, classe 1977, hanno vinto la terza edizione del Premio RI.U.SO, bandito dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori con la “CASA DCS - Progetto di recupero e riuso edilizio - Nuove forme dell'abitare”  realizzata a Ragusa.

La graduatoria è stata annunciata al Saie di Bologna. Secondo e terzo classificato, per la stessa sezione, sono stati rispettivamente il Tecnopolo per la ricerca industriale. Riqualificazione del capannone 19 dell'area ex ‘Officine Meccaniche Reggiane a Reggio Emilia progettato da Andrea Oliva e la rigenerazione del parcheggio multipiano a San Salvo a Chieti di Michele Manigrasso dello studio Ops!

Il progetto vincitore. L'edificio di Gurrieri e Giampiccolo si trova in un quartiere del centro storico di Ragusa che si è urbanizzato nel 1800 dove il tessuto ortogonale si assembla adattandosi al tracciato viario longitudinale per parallele che seguono il declivio del terreno: ne risulta un impianto urbano composto a fasce dove le abitazioni si affacciano su diverse quote stradali. Oggetto dell'intervento è un unico corpo di fabbrica che nel tempo è stato più volte rimaneggiato e che oggi è un incastro di proprietà.

Grazie allo svuotamento di una porzione dell'edificio gli architetti hanno riorganizzato gli spazi inducendo la committenza a riflettere sulla sottrazione come modalità e strategia di trasformazione e riuso dell'esistente. "Tale strategia - spiegano i progettisti - che presume la rinuncia consapevole ad una quota di volume preesistente ha garantito benefici rilevanti permettendo la creazione di una corte interna e una migliore circolazione e fruizione degli spazi abitativi". L'abitazione si rinchiude in se stessa isolandosi dal vicinato e garantendo un adeguato regime di privacy. La corte, grazie alla ventilazione naturale, funge da camino e permette il miglioramento delle prestazioni energetiche dell'intera abitazione.

Mentre l'involucro esterno è stato inalterato, all'interno della corte ci sono passerelle in grigliato metallico con ringhiere da recupero che sottolineano per netto contrasto il peso della muratura. Particolare attenzione è stata rivolta al recupero dei materiali esistenti, rimossi, catalogati e assemblati in chiave moderna come le porte interne o le mattonelle in cemento stampato.

Per  RIUSO_03, Premio per la rigenerazione sostenibile della città, sono pervenute oltre 300 proposte, tra realizzazioni, progetti di concorso e tesi di laurea. Oltre alla comunità degli architetti che, come nelle precedenti edizioni, ha risposto con grande interesse, hanno partecipato alla competizione un numero significativo di neo-laureati e di associazioni.

La tipologia dei progetti presentati riguarda sia piccoli, ma significativi, interventi urbani, sia il  recupero di grandi aree dismesse; proposte visionarie e specifici interventi di miglioramento energetico e statico degli edifici; recupero di cave e ambienti naturali e riqualificazione di grandi infrastrutture urbane; nuove forme dell’abitare e riuso temporaneo con la partecipazione dei cittadini.

La commissione giudicatrice del Premio - che è patrocinato da Ance, Legambiente e Anci - è stata presieduta da Leopoldo Freyrie, presidente degli architetti italiani  e composta da Alessandro Marata, presidente del dipartimento Ambiente e sostenibilità del Consiglio Nazionale degli Architetti; Danilo Vespier, Rpbw Renzo Piano Building Workshop; Tommaso Dal Bosco, Anci; Edoardo Zanchini, Legambiente; Nicola Leonardi, The Plan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: residenziale
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

PPANthebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Andrea Nonni - privacy