le più lette...
le competizioni |
Al via la seconda fase.I team leader? BIG, Cobe A/S, John McAslan + Partners, Outcomist, SOM e Paola Viganò

Scalo di Porta Romana, ecco i big in corsa per il masterplan dell’ex scalo

di Redazione | pubblicato: 18/01/2021
Scalo di Porta Romana, ecco i big in corsa per il masterplan dell’ex scalo

Scelti i candidati invitati a partecipare alla seconda fase del concorso per la definizione del masterplan dello scalo di Porta Romana. I team leader? BIG - Bjarke Ingels Group, Cobe A/S, John McAslan + Partners, Outcomist, SOM e Studio Paola Viganò.

Cordate interdisciplinari, in gran parte internazionali, con esperti di paesaggio e di mobilità, ma anche squadre che vedono in campo un team diversificato di studi di progettazione.

Nei dettagli i team sono composti da 

BIG - Bjarke Ingels Group, Buro Happold, Atelier Ten, MIC - Mobility in Chain, Atelier Verticale, Ubistudio, SCE Project; 

Cobe A/S, SD Partners S.R.L., TRM Group S.R.L., AKT II, Hilson Moran, Urban Foresight;

John McAslan + Partners, Meinhardt, Barker Langham, Makower Architects, Urbn’ita, MVVA, ESA Engineering;

Outcomist, Diller Scofidio + Renfro, PLP Architecture, Carlo Ratti Associati, Gross. Max, Nigel Dunnett Studio, Arup, Portland Design, Systematica, Studio Zoppini, Aecom, Land, Artelia; 

Skidmore, Owings & Merrill (Europe) LLP – SOM, Michel Desvigne Paysagiste (MDP), TSPOON, Work in Progress srl. (WiP), Drees & Sommer (DRESO), Elisabetta Lazzaro, United Consulting srl;

Studio Paola Viganò, Inside Outside, OFFICE KGDVS, Piovenefabi, Ambiente Italia, F&M Ingegneria, TPS PRO, Antonella Faggiani - Smart Land Srl.

Come anticipato, sono stati confermati i tempi super-rapidi nella scelta dei partecipanti alla gara. A quaranta giorni dalla presentazione del bando, e a  pochi giorni dalla consegna delle candidature, con 47 proposte complessive presentate (329 professionisti coinvolti), COIMA sgr spa, per conto del Fondo Porta Romana – Fondo Comune di Investimento Alternativo Immobiliare riservato, partecipato da COIMA ESG City Impact Fund, Covivio e Prada Holding S.p.A. – in accordo con il Gruppo FS, e in qualità di banditore del concorso internazionale, ha annunciato i finalisti selezionati.

In giuria? Gregg Jones (Design Principal, Pelli Clarke Pelli Architects) presidente. Insieme a lui Manfredi Catella (CEO & Founder, COIMA), Simona Collarini (Direttore Area Pianificazione Urbanistica Generale, Comune di Milano), Alexei Dal Pastro (CEO Italy, Covivio), Bruno Finzi (Presidente Ordine degli Ingegneri, Provincia di Milano), Carlo Mazzi (Presidente, Prada S.p.A.), Laura Montedoro (Professore associato Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico di Milano). Supplenti Ezio Micelli (Professore Ordinario di Estimo e Valutazione Economica dei Progetti, Università IUAV di Venezia) e Carlotta Penati (Consigliere Ordine degli Ingegneri, Provincia di Milano). Responsabile unico del concorso Leopoldo Freyrie.

Si corre, dando ora tre mesi di tempo ora ai gruppi per lavorare (con consegna il 31 marzo 2021). E considerando la scadenza improrogabile del Villaggio Olimpico prevista entro luglio 2025.

“Il masterplan selezionato al termine della seconda fase – comunica Coima - sarà oggetto di una fase di dibattito pubblico previsto dall’Accordo di Programma, e di un’analisi tecnica delle osservazioni condotta congiuntamente dal Soggetto Banditore e dal Comune, che potranno contribuire a integrare ed elaborare il progetto presentato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: masterplanning
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

Thebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Andrea Nonni - privacy