le più lette...
SAIE |
In mostra le eccellenze del saper fare italiano e case study internazionali

Dall’edilizia scolastica alle grandi opere, il driver della digitalizzazione per un ambiente costruito 4.0 sicuro, sostenibile, interconnesso

di Redazione PPANthebrief | pubblicato: 27/09/2018
SAIE 2018 è un evento specializzato che seleziona e racconta gli strumenti innovativi, le best practice, le eccellenze nazionali e internazionali; ospita convegni, dibattiti, seminari di alta formazione con i massimi esperti del comparto
Dall’edilizia scolastica alle grandi opere, il driver della digitalizzazione  per un ambiente costruito 4.0 sicuro, sostenibile, interconnesso
SAIE 2018 è un evento specializzato che seleziona e racconta gli strumenti innovativi, le best practice, le eccellenze nazionali e internazionali; ospita convegni, dibattiti, seminari di alta formazione con i massimi esperti del comparto

Appuntamento a Bologna per la prima edizione biennale di SAIE, l’evento sulle tecnologie per ledilizia e lambiente costruito 4.0 che si terrà nei padiglioni della Fiera dal 17 al 20 ottobre 2018. Una vetrina delle novità, un’occasione di networking per la filiera delle costruzioni, che vede protagoniste le aziende; un’iniziativa di riferimento per il mercato delle costruzioni, la cui gestione quest’anno è stata affidata da BolognaFiere Senaf del Gruppo Tecniche Nuove.  

A pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico, tornano sotto i riflettori i numeri di scuole da riqualificare in termini di sicurezza ed efficienza energetica. A SAIE 2018 il tema sarà presentato dalla Regione Sardegna che con il programma straordinario per ledilizia scolastica Iscol@ si pone come obiettivo la costruzione di scuole innovative, in linea con le esigenze di studenti e insegnanti. Nel triennio 2015-2017 sono stati stanziati dalla Regione circa 300 milioni di euro, di cui 70 - a valere su diverse fonti di finanziamento - sono stati già liquidati agli enti locali. Ad oggi sono stati avviati 24 concorsi di progettazione. Sono 1.300 gli interventi realizzati tra manutenzione straordinaria e dotazione di arredi. La novità di questa operazione sta nella promozione dell’impiego della tecnologia Building Information Modeling (BIM), nella progettazione degli edifici scolastici, avendo inserito nella documentazione di gara la possibilità per la Stazione appaltante di richiedere al vincitore del concorso la produzione di un progetto redatto secondo metodi e strumenti BIM per le successive fasi. Un passaggio che permette alla Sardegna di essere la prima regione italiana per numero di richieste della modellazione informativa, così come emerge dai dati OICE del primo rapporto sui bandi BIM 2017.

Le aziende sono in prima linea per SAIE 2018, ma il plus della piazza fieristica è offerto dallincontro con la committenza e con il mondo delle professioni. Cultura e mercato si alleano e condividono un percorso che delinea le opportunità e le strategie possibili. 

Tra i protagonisti di SAIE 2018 c’è anche Anas, presente nell’ambito del percorso Infrastrutture e Territorio con uno stand interamente dedicato alle tecnologie di ultima generazione applicate alla manutenzione e alla sorveglianza delle opere infrastrutturale. Un ampio calendario convegnistico approfondirà le novità messe in campo rispetto ai sistemi di manutenzione e ispezione di ponti, viadotti e gallerie, orientati ad ottenere un livello di sicurezza sempre maggiore per gli utenti della strada. In programma anche l’intervento dell’Ad dellazienda Gianni Vittorio Armani, oltre a un forum tematico dove saranno presenti alcuni dei suoi partner, come Bridgestone, Leica, Rina, Mapei, Sentetic, Sysdev, Italdron e diverse Università italiane, per fare il punto sulle principali novitànel settore della manutenzione stradale.

Il futuro è in mostra, condiviso con la rete delle professioni tecniche e degli stakeholderIl mercato delledilizia si presenta a Bologna facendo leva sullinnovazione e spingendo lacceleratore sulla digitalizzazione.

SAIE 2018 è un evento specializzato 
che seleziona e racconta gli strumenti innovativi - frutto della ricerca congiunta tra progettisti, tecnici e aziende -, le best practice, le eccellenze nazionali e internazionali; ospita convegni, dibattiti, seminari di alta formazione con i massimi esperti del comparto, articolati secondo quattro focus tematici: 

  • riqualificazione energetica, sia edilizia che impiantistica; 
  • recupero e protezione sismica; 
  • infrastrutture e territorio; 
  • digitalizzazione & BIM. 

Forte del successo del progetto pilota lanciato nel 2017, SAIE si conferma un hub di eccellenza per la digitalizzazione e dedica un percorso tematico al rilievo digitale, ai sistemi di restituzione dei dati, ai software di progettazione, alle piattaforme di gestione del processo, ai sistemi di realtàvirtuale e modellazione in BIM. Sullo stesso argomento, DIGITAL&BIM Italia Conference Lab, organizzato sulla scia dell’evento tematico proposto da BolognaFiere un anno fa. L’iniziativa èin collaborazione con Assobim, associazione di aziende, imprese, studi e professionisti riuniti per diffondere il BIM, Building Information Modeling, che festeggeràproprio in occasione di SAIE 2018 il suo primo anno di attività. 

“DIGITAL&BIM Italia Conference Lab coinvolge tutti gli attoriche in questi dodici mesi hanno sperimentato, testato e presentato nuove tecnologie e sistemi digitali per il settore delle costruzioni - commenta Antonella Grossi, project manager di SAIE 2018- con l’obiettivo di offrire unpanorama completo della trasformazione digitale che sta cambiando sempre piùil volto del settore e della filiera in tutto il mondo, dalla progettazione fino alla gestione in esercizio dell’opera”.

“Quest’anno è stato entusiasmante e ricco di sfide ed opportunità - dichiara Adriano Castagnone, Presidente di Assobim - che siamo pronti a cogliere e portare avanti. La forza della nostra associazione sta proprio nell’eterogeneitàdegli associati, elemento che consente il confronto tra le diverse aspettative e la necessitàper un’applicazione sempre piùdiffusa della digitalizzazione nel mondo del costruito. Assobim - aggiunge - ha fatto dell’interoperabilità una delle parole chiave per la propria attività. Interoperabilitàtra gli strumenti tecnologici a supporto della digitalizzazione, ma soprattutto tra le persone.”

“ll fil rouge che connota le iniziative relative a DIGITAL & BIM Italia Conference Lab - spiega Angelo Ciribini dellUniversità degli Studi di Brescia e coordinatore di alcune sessioni della conferenza internazionale consiste nella compresenza di più dimensioni, anche contraddittorie, nello sviluppo della digitalizzazione nel settore della costruzione e del real estate. Ma è, soprattutto, il nuovo significato che si attribuisce al prodotto immobiliare e a quello infrastrutturale ciò che conta maggiormente, anche alla luce, a titolo esemplificativo, degli eventi calamitosi legati a inondazioni e a terremoti, dei collassi dei cespiti inerenti alla mobilità, del degrado del patrimonio di edilizia scolastica. Il bene immobiliare e infrastrutturale, a partire dalla cognitive homeper finire alla smart infrastructure, diviene interconnesso e dialogico con l'utentela progettazione si fa contemporaneamente configurazione di servizi, di elementi e di spazi”.

La nuova edizione di SAIE si presenta ai visitatori con una forte carica di interattività e un invito diretto alla sperimentazione con i laboratori digitali, le aree dimostrative, le arene gestite dalle aziende protagoniste, le piazze tematiche, gli sportelli informativi per capire e toccare con mano i processi e le prassi operative.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: energia; industria; tecnologia
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

PPANthebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Paola Pierotti - privacy