le più lette...
le competizioni |
Secchi-Viganò in Belgio, Barozzi-Veiga in Polonia, Scandurra a Milano e Archea a Firenze passano la prima selezione

Mies Award 2015: tra 40 opere europee 4 sono made in Italy

di Paola Pierotti | pubblicato: 10/02/2015
Mies Award 2015: tra 40 opere europee 4 sono made in Italy

Sono 4 su 40 i progetti made in Italy che hanno passato la preselezione del Mies 2015. Due di questi sono stati costruiti in Italia e due all’estero. Delle 420 architetture in lizza per il più prestigioso premio europeo 9 erano firmate da italiani (in Italia o all’estero) e tra queste hanno passato la preselezione quattro opere firmate in Belgio, Polonia e Italia dallo studio Associato Bernardo Secchi e Paola Viganò, da Alessandro Scandurra, dagli italo-spagnoli EBV Barozzi Veiga e da Archea.

Secchi-Viganò sono i progettisti di un’architettura-landscape realizzata in Belgio, De Hoge Rielen, al posto di un’ex base militare in una foresta di 300 ettari, un luogo di educazione civica e ambientale di forma circolare. Alessandro Scandurra ha passato la preselezione con il progetto di Expo Gate e EBV con la nuova Filarmonica di Szczecin con una sala sinfonica da 1000 spettatori, una sala per la musica da camera per 200 persone e uno spazio polifunzinale per mostre e conferenze. Lo studio Archea è in corsa per l’edizione 2015 del premio Mies con la cantina Antinori.

Tutti i 40 progetti scelti sono pubblicati sul sito della Fondazione.

Tra le architetture europee realizzate negli ultimi anni in corsa per il primo premio c’è un museo studio Grafton Architects, e il FRAC di Dunkerque in Francia di Lacaton&Vassal Archtiects, c’è un complesso mixed use di Baumschlager Eberle in Austria a Lustenau e lo spazio pubblico sul porto di Marsiglia firmato da Foster+Partners. In Danimarca c’è il museo marittimo di Big a Helsingor in Danimarca, c’è una scuola di Cobe a Copenhagen. Tra le altre selezioni dall’Olanda c’è il De Rotterdam di Oma, il Rijksmuseum di Cruz y Ortiz e l’Education Center Erasmus di Kaan Architecten.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: cultura; masterplanning; residenziale; spazi pubblici
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

PPANthebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Andrea Nonni - privacy