le più lette...
le iniziative |
Premiato al Mapic di Cannes il supermercato Gourmet Carrefour di Milano, emblema del nuovo trend del retail esperienziale

Da Chipperfield a Echo Architecture, rush finale per i centri commerciali griffati

di Milena Rettondini | pubblicato: 21/11/2017
Il retail immobiliare richiede oggi spazi diversi e modi di comunicare innovativi e si sviluppa spesso in luoghi distanti dai centri storici ma vicini ai nuovi distretti urbani e agli hub strategici della mobilità
Da Chipperfield a Echo Architecture, rush finale per i centri commerciali griffati
Il retail immobiliare richiede oggi spazi diversi e modi di comunicare innovativi e si sviluppa spesso in luoghi distanti dai centri storici ma vicini ai nuovi distretti urbani e agli hub strategici della mobilità

Il supermercato Gourmet Carrefour a Milano è tra i vincitori del Mapic Award 2017, che dal 1995 a Cannes premia i migliori esempi di realizzazioni immobiliari legati al mondo del commercio. Uno spazio dove è possibile degustare prodotti culinari e conoscerli prima dell’acquisto. Il format rientra nel nuovo trend del settore che investe sul design innovativo puntando a coinvolgere il cliente in un’esperienza sensoriale, prima ancora dell’acquisto, per farlo sentire parte di un sistema e non un semplice consumatore. Un’esperienza che secondo gli esperti di marketing nasce sul web, con il commercio online to offline, il cosiddetto O2O, che mira a catturare l’attenzione del consumatore in rete per riuscire a portarlo fisicamente poi in negozio. 

Anche la parte immobiliare del retail si trova quindi a fare i conti con queste nuove tendenze, che richiedono spazi diversi e modi di comunicare innovativi e che diventano realtà spesso in luoghi distanti dai centri storici ma vicini ai nuovi distretti urbani e agli hub strategici della mobilità, come aeroporti o stazioni ferroviarie.

Ne sono una dimostrazione anche altri nove progetti italiani di centri commerciali in via di realizzazione, selezionati tra molti, dalla giuria del premio internazionale. Si trovano nel nord Italia e sorgono non di rado in aree al centro di un processo di rigenerazione, come nel caso di Livorno Waterfront di Igd Siiq nella zona dell’ex cantiere navale che sarà pronto per fine 2018 o di Palazzo del Lavoro a Torino a ridosso del complesso progettato da Pier Luigi Nervi per l’Esposizione Universale del 1961, che vedrà la luce nel 2022 con l’obiettivo, tra gli altri, di riqualificare l’area sud della città sabauda.

A Milano c’è il nuovo City Life Shopping District che aprirà nei prossimi giorni, composto da tre aree interconnesse che ha visto coinvolti diversi studi per la progettazione, tra cui Zaha Hadid Architects, One Works e Studio Mauro Galatino. Sempre nel capoluogo lombardo anche il complesso di Cascina Merlata, situato a fianco dell’ex area Expo, 192 negozi distribuiti su 65mila mq di superficie (inaugurazione prevista per l’autunno 2021) e il centro Concordia, 131mila mq e 365 store, pronto per il 2022, entrambi sviluppati dal gruppo Falcon Malls e realizzati da Echo Architecture. Adiacente all’aeroporto di Linate sta sorgendo Westfield Milano, progettato da Leonard Design Architects, che ospiterà oltre 300 store e aprirà nel 2020. 

A Torino, oltre alla rigenerazione del Palazzo del Lavoro è attesa per il 2020 anche l’apertura di Caselle Open Mall di Aedes Siiq. 

Tra gli altri, a Bologna c’e l'ampliamento del Gran Reno firmato da Klépierre a Bologna, 16mila mq di negozi, apertura prevista per il 2020 e a Bolzano il WaltherPark di David Chipperfield Architects, che sorgerà nei pressi della stazione ferroviaria, con oltre 120 negozi su una superficie totale di 35mila mq e che aprirà nel 2021. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: città; commerciale; spazi pubblici
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

PPANthebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Paola Pierotti - privacy