le più lette...
Lo studio cinese rilancia i temi della natura e dell’umanità 

Ma Yansong per Scali Milano: Dobbiamo credere in una visione futuristica della città

di Milena Rettondini | pubblicato: 21/12/2016
Ma Yansong per Scali Milano: Dobbiamo credere in una visione futuristica della città

Ma Yansong, architetto cinese fondatore dello studio Mad Architects, è uno dei cinque team leader chiamati da FS Sistemi Urbani per partecipare attivamente al workshop Scali Milano. Noto a scala internazionale per le Absolute Towers di Toronto, Mad gravita da qualche anno in Italia grazie al progetto per il complesso residenziale di via Boncompagni a Roma e in occasione del Salone del Mobile 2016 si è distinto per l’installazione realizzata alla Statale.“Scali Milano si differenzia per la sua democraticità - ha dichiarato Ma Yansong in occasione del workshop promosso da FS -, in Cina non è ancora possibile immaginare questo genere di discussioni”.

Il cambiamento delle città e delle connessioni, è stato il tema centrale dell’intervento del professionista cinese accompagnato dall’italiano Andrea D’Antrassi. “Per arrivare a Milano, dalla Cina, oggi mi servono 10 ore. Fra 25-30 anni probabilmente la tecnologia ci consentirà di viaggiare più veloci e potremmo, per esempio, volare da Pechino a Milano in un paio di ore - ha continuato Yansong -. Se vogliamo progettare la città del futuro dobbiamo tenere presente questi elementi, in 30 anni le cose potranno cambiare molto velocemente”. Secondo l’architetto cinese inoltre, non solo le connessioni legate ai trasporti hanno un ruolo centrale nella progettazione delle nuove città, ma anche quelle della rete, in particolare della rivoluzione apportata dai social media, che hanno cambiato il modo di comunicare e di vivere gli spazi.

“Dobbiamo credere nei filosofi e negli artisti, in chiunque abbia una visione futuristica. Le città classiche sono state modellate in passato anche dalle idee legate alla religione, ora è il tempo di progettare tenendo in considerazione l’ambiente e la società”. Concetti che si riferiscono non solo al loro significato intrinseco, ma anche ad una declinazione più emotiva ed artistica dei termini. “L’umanità è una parola molto politica - ha affermato concludendo Yansong -, quando parliamo di persone entriamo nell’ambito delle emozioni e delle vocazioni artistiche. Vogliamo e dobbiamo creare un futuro di nuova cultura,che ci permetta di parlare di eredità culturale non soltanto guardando alla storia, ma anche al contesto contemporaneo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: città; spazi pubblici; trasporti
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

PPANthebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Paola Pierotti - privacy