le più lette...
Nel mondo della Cultura serve spirito imprenditoriale

L’arte non guarirà il mondo, "meno fantasie di onnipotenza e dialogo con il pubblico"

di Paola Pierotti | pubblicato: 25/11/2012
"L'eccesso di offerta culturale è un errore perché si fonda sul presupposto sbagliato che ogni prodotto possa generare da sé il proprio pubblico; la massiccia avanzata di consulenti e manager della cultura non produce innovazione, ma solo conformismo dal sapore burocratico"
Kulturinfarkt
L’arte non guarirà il mondo,
"L'eccesso di offerta culturale è un errore perché si fonda sul presupposto sbagliato che ogni prodotto possa generare da sé il proprio pubblico; la massiccia avanzata di consulenti e manager della cultura non produce innovazione, ma solo conformismo dal sapore burocratico"
Kulturinfarkt

Il libro “Kulturinfatkt” è stato un caso senza precedenti in Germania: prospetta un imminente “infarto della cultura” e attacca la cultura istituzionale, le sovvenzioni alla cultura, le mancate politiche culturali. Gli autori del libro “Kulturinfatkt, Azzerare i fondi pubblici per far rinascere la cultura” (pubblicato da Marsilio, i Grilli, 2012) fanno una proposta shock: tagli consistenti alle istituzioni culturali per una redistribuzione delle risorse.

Per gli autori “l’eccesso di offerta è un errore perché si fonda sul presupposto sbagliato che ogni prodotto possa generare da sé il proprio pubblico; la massiccia avanzata di consulenti e manager della cultura non produce innovazione, ma solo conformismo dal sapore burocratico; troppi sono oggi i compiti affidati alla cultura che perde di vista la sua ragion d’essere e il confronto con il pubblico”.

Quello dei quattro autori, rappresentanti del sistema culturale tedesco (Armin Klein è un docente di management culturale alla Pädagogische Hochschule Ludwisburg, Stephan Opitz è fotografo, Dieter Haselbach co-Director of Zentrum für Kulturforschung GmbH e Pius Knüsel è Direttore della Fondazione Pro Helvetia) è un manifesto. “Serve più spirito imprenditoriale, maggior confronto con le esigenze del pubblico, meno fantasie di onnipotenza. E la presa di coscienza che l’arte non guarirà il mondo. Altrimenti, paradossalmente, forse non ci sarebbe più alcun bisogno dell’arte”.

Un libro che invita a riflettere su una di quelle crepe che inevitabilmente diventano enormi negli anni della spending review: le sovvenzioni pubbliche alla cultura, quelle risorse che servono per mantenere in vita teatri, musei, festival, rassegne, convegni, fondazioni e associazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: cultura
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

PPANthebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Andrea Nonni - privacy