le più lette...
le iniziative |
Un piano di interventi per rafforzare la collaborazione culturale tra i due paesi

Il rilancio: l’Ambasciata e Consolato Generale dei Paesi Bassi in Italia lanciano una open call per la ripresa post-Covid 19

di Chiara Brivio | pubblicato: 01/06/2020
L'iniziativa è nata come risposta alla crescente situazione di difficoltà che gli operatori culturali si sono trovati ad affrontare durante l’emergenza sanitaria.
Il rilancio: l’Ambasciata e Consolato Generale dei Paesi Bassi in Italia lanciano una open call per la ripresa post-Covid 19
L'iniziativa è nata come risposta alla crescente situazione di difficoltà che gli operatori culturali si sono trovati ad affrontare durante l’emergenza sanitaria.

Nella fase 2 scendono in campo anche le istituzioni straniere per aiutare i professionisti e i creativi italiani. È così che l’Ambasciata e il Consolato Generale dei Paesi Bassi in Italia hanno lanciato il bando «Il rilancio» – un piano di interventi atto a rafforzare la collaborazione tra i professionisti e le istituzioni culturali dei due paesi –, che mette a disposizione risorse per i progetti di partenariato italo-olandesi che verranno proposti. Due le condizioni necessarie per partecipare: i progetti dovranno soddisfare una domanda concreta in Italia e le proposte dovranno essere sviluppate almeno da un partner italiano e uno olandese.

Come fanno sapere dall’Ambasciata a Roma, l’iniziativa è nata come risposta alla crescente situazione di difficoltà che gli operatori culturali si sono trovati ad affrontare durante l’emergenza sanitaria. Inoltre, aggiungono, se è vero che nel futuro le collaborazioni a livello culturale non potranno più basarsi sulla mobilità fisica di artisti e creativi, allora sarà necessario ripensare le modalità delle relazioni internazionali. Per questo è nata «Il rilancio», per adattare le forme di partnership all’emergenza. 

Sono ammessi al bando sia progetti digitali, partenariati e sviluppo di progetti post-Covid, sia scambi di conoscenze. Tra i risultati potranno essere incluse pubblicazioni online o offline, materiale audiovisivo, attività di follow-up, nuovi piani e scenari, creazione di reti o network.

Nove le aree prioritarie della open call: Architettura, Design, Digitale, Cultura giovanile, Letteratura, Plurilinguismo, Diritti umani, Terza età, Collaborazione Fiandre-Paesi Bassi. Disponibili risorse per 25mila euro totali, i partecipanti potranno richiedere da un minimo di 1.000 euro a un massimo di 5mila euro a progetto. La scadenza del bando è fissata al 30 settembre e le opere per cui saranno richiesti i sussidi dovranno concludersi entro il 31 dicembre 2020. 

Il bando è disponibile a questa pagina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: arte
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

PPANthebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Andrea Nonni - privacy