le più lette...
il progetto |
Progetto di Mario Cucinella Architects per la fondazione privata, 3 milioni di euro di investimento

Bologna sposa il contemporaneo e taglia il nastro del nuovo Centro Arti e Scienze Golinelli

di Francesco Fantera | pubblicato: 12/10/2017
Fondazione Golinelli
Centro culturale
Dove si trova:
bologna
via Paolo Nanni Costa, 14
Progetto:
Mario cucinella architects
via Francesco Flora, 6, Bologna
Committenza:
fondazione golinelli
"Una metafora dell’espansione della vita stessa, rappresentata in primo luogo dalla griglia modulare che costituisce il leggero e vibrante involucro esterno della struttura"
Mario Cucinella
Bologna sposa il contemporaneo e taglia il nastro del nuovo Centro Arti e Scienze Golinelli
"Una metafora dell’espansione della vita stessa, rappresentata in primo luogo dalla griglia modulare che costituisce il leggero e vibrante involucro esterno della struttura"
Mario Cucinella

Dopo nove mesi di lavori e grazie a un investimento di tre milioni di euro, è stato inaugurato a Bologna il nuovo Centro Arti e Scienze Golinelli presso la sede dell’omonima Fondazione, disegnato dallo studio Mario Cucinella Architects. A due anni dalla costruzione dell’Opificio, viene completato il grande complesso educativo e culturale nella periferia ovest del capoluogo emiliano che, fino ad ora, ospitava altre quattro aree dedicate rispettivamente alla scuola, a ricerca e alta formazione, all’impresa arti e divulgazione.
 
Il progetto architettonico del Centro Arti e Scienze Golinelli racconta “una metafora dell’espansione della vita stessa, rappresentata in primo luogo dalla griglia modulare che costituisce il leggero e vibrante involucro esterno della struttura” ha spiegato l’architetto bolognese, scelto dalla Fondazione Golinelli non solo per la qualità dei suoi lavori, ma anche per l’attenzione nei confronti della sostenibilità e delle energie rinnovabili.
 
Il nuovo edificio, disegnato dallo studio MCA, è costituito da due elementi principali. Il primo è un volume chiuso di 30x20 e alto 8 metri, caratterizzato da una geometria pura e semi trasparente che riflette la luce nelle ore diurne e risulta luminosa durante la notte. Il secondo è rappresentato da una sovrastruttura metallica, percorribile in alcune sue parti, che avvolge, tendendo all’esterno, il padiglione.
 
All’interno, su un’area di 700 mq, lo spazio risulta privo di partizioni o elementi architettonici rigidi che andrebbero a ridurre la sua flessibilità di utilizzo. Il sito infatti accoglierà molte attività diverse: esposizioni, incontri e spettacoli, senza dimenticare le iniziative mirate all’educazione delle nuove generazioni. Costruzione, ricerca dei materiali scelti e soluzioni impiantistiche sono state realizzate con la NBI spa del Gruppo Astaldi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: città; cultura
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

PPANthebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - privacy