le più lette...
il committente |
le competizioni |
Da luoghi di transito a spazi turistici e sociali: sono circa 1700 le stazioni che Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane concede in comodato d’uso alle associazioni che presentano un progetto di valorizzazione e alla collettività

Ferrovie dello Stato vuole riutilizzare le stazioni abbandonate: nuovi progetti di valorizzazione e servizi

di Paola Pierotti | pubblicato: 18/06/2015
Se la nuova stazione non è più solo un luogo di partenze e arrivi, deve essere dedicata la stessa attenzione che le istituzioni locali riservano agli altri luoghi urbani
Ferrovie dello Stato vuole riutilizzare le stazioni abbandonate: nuovi progetti di valorizzazione e servizi
Se la nuova stazione non è più solo un luogo di partenze e arrivi, deve essere dedicata la stessa attenzione che le istituzioni locali riservano agli altri luoghi urbani

Da luoghi di transito a spazi turistici. Sono circa 1.700 le stazioni che il Gruppo Fs Italiane sta concedendo tramite contratti di comodato d’uso gratuito alle associazioni e ai comuni. L’obiettivo è quello di creare progetti sociali che abbiano ricadute positive sia sul territorio che sulla qualità dei servizi offerti nelle stesse stazioni. Di queste, circa 345, corrispondenti ad una superficie di oltre 63.683 mq già sono state assegnate.

Da tempo, il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane sta investendo nel riutilizzo del patrimonio immobiliare in stato di abbandono. Per avviare l’iniziativa di riqualificazione degli spazi, Fs ha siglato Protocolli d’Intesa con Associazioni che operano nel sociale (Legambiente, Associazione Italiana Turismo Responsabile, CSVnet, Lega Coop Sociali).

Ci sono già esperienze dove il progetto ha raggiunto buoni risultati: il tour operator Addiopizzo Travel ha trovato nella stazione ferroviaria di Isola delle Femmine – tratta ferroviaria Palermo Trapani- la sede ideale per un’organizzazione impegnata a contrastare la criminalità organizzata. La cooperativa sociale Desy, gestisce la stazione di Codola – linea Cancello Benevento - in provincia di Salerno, a fini di ospitalità sociale. Unire la passione per i binari con quella per l’archeologia, è invece la proposta dell’associazione Ferrovie Kaos, che ha ottenuto da Rfi in comodato d’uso gratuito la stazione di Porto Empedocle. Da qui partono convogli speciali che attraversano il sito archeologico, mentre si è allestito un museo ferroviario nel principale scalo ottocentesco dell’isola. Un’eco-stazione, invece, per Ceccano, dove un centro di documentazione ambientale, sala riunioni e laboratori didattici restituiscono una seconda vita al territorio (qui il report completo curato da Redattore Sociale). Con questo processo di rigenerazione Rfi offre una nuova vita a sale d’attesa, magazzini merci, uffici e appartamenti dei capostazione che avevano persola loro funzione originaria.

Come richiedere i locali ferroviari non utilizzati? Chi è interessato a investire per il riuso dei beni delle Ferrovie dello Stato può prendere contatto con le Associazioni firmatarie o con gli Enti locali, oppure proporsi a Rfi (le linee guida). I progetti saranno selezionati in relazione al beneficio apportato all’intera collettività.

“Se la nuova stazione non è più solo un luogo di partenze e arrivi, deve essere dedicata la stessa attenzione che le istituzioni locali riservano agli altri luoghi urbani – spiegano i vertici delle Ferrovie dello Stato - per assicurare a tutti coloro che le frequentano, siano o meno fruitori dei servizi ferroviari, i medesimi livelli di qualità e sicurezza presenti in qualsiasi altro luogo pubblico”.

APPROFONDIMENTO. Seconda vita anche per i fari. Call per gli imprenditori

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: spazi pubblici; trasporti
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

PPANthebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Andrea Nonni - privacy