le più lette...
media |
A maggio su L’Architetto (il mensile del Cnappc) focus sul grande evento del 2015. Anche PPAN mette a fuoco il suo punto di vista sulla manifestazione

Expo non è la Biennale Architettura. Vetrina internazionale che alterna kitsch e rigore

di Paola Pierotti | pubblicato: 20/05/2015
Guardando al progetto si apprezza grazie al masterplan l’efficacia di un’impostazione ordinata che facilita l’orientamento e la successione delle architetture.
Expo non è la Biennale Architettura. Vetrina internazionale che alterna kitsch e rigore
Guardando al progetto si apprezza grazie al masterplan l’efficacia di un’impostazione ordinata che facilita l’orientamento e la successione delle architetture.

Expo non è una Biennale d’Architettura e come tale è consigliato togliersi il cappello dei censori per cercare cosa sia bello e brutto, kitsch o meno, con dettagli finemente curati o con cavi ancora pendenti. Guardando al progetto si apprezza il rigore del masterplan e l’efficacia di un’impostazione ordinata che facilita l’orientamento e la successione delle architetture.

I Cluster, una delle novità di Expo 2015, raggruppano i Paesi che non hanno realizzato un proprio padiglione e sono stati riuniti secondo identità tematiche e filiere alimentari: i volumi e gli spazi si articolano in aree funzionali (mercato, mostra, eventi e degustazioni), sono di particolare interesse per il mix di scelte tecnologiche e per la scelta dei materiali, e ritmano il passo. Peccato che molti volumi siano ancora vuoti o chiusi.

Le tende che coprono il Decumano, elemento identificativo fin dal primo masterplan quando si immaginavano ampie aree coltivate a orti, sono di grande impatto, ma non sono state efficacemente verificate le relazioni tra padiglioni e spazi pubblici: talvolta è difficile scattare fotografie dei fronti senza avere i tiranti delle coperture del Decumano che tagliano i prospetti e dalle tante terrazze dei padiglioni troppo spesso la vista finisce sulle tensostrutture. ?Il masterplan rigoroso in pianta ha consentito una certa variazione nello sviluppo volumetrico e all’architettura del Bahrein, che ha proposto un percorso con setti in calcestruzzo a un solo livello, si alternano le costruzioni più alte di Stati Uniti o Spagna. La monumentalità della “foresta pietrificata” progettata dal team guidato da Nemesi per il Padiglione Italia è evidente già da lontano: l’edificio è molto più imponente del vicino Albero della Vita, emblema del kitsch ma molto apprezzato dal grande pubblico.

Expo 2015 è stata l’occasione per realizzare un laboratorio sui materiali e sulle tecnologie (come è stato ben raccontato nella mostra al Made Expo), per dare risposte sul tema del riuso e del riciclo delle componenti edilizie, per realizzare architetture temporanee e multiuso. Inevitabilmente prevale anche il tema commerciale e ludico, tipico di un evento popolare.

Italia e Cina hanno realizzato i padiglioni più complessi; il gruppo immobiliare cinese Vanke, l’Azerbaijan e il Food Future District si distinguono per l’investimento sulla tecnologia e per l’uso della multimedialità che sono protagoniste in gran parte dei padiglioni. La Santa Sede meglio di altri ha realizzato un progetto che risponde anche con i contenuti al tema proposto.

Si legga l’articolo integrale di Paola Pierotti e Andrea Nonni sul mensile del CNAPPC L'Architetto di maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: cultura; food
Condividi


Torna indietro
Per approfondimenti scrivere a info@ppan.it
calendario newsletter
info@ppan.it
calendario
© 2017 PPAN srl via Nomentana 63, 00161 Roma - P.iva 12833371003

Thebrief Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 49 del 23/03/2015 - Editore: PPAN srl - Direttore responsabile: Andrea Nonni - privacy